Article Index

 

 

Corso di Studio Design per la Comunità

scarica il documento in pdf

 

Finalità del Corso

Il Corso di Studio Design per la Comunità forma designer in grado di ideare prodotti e sistemi, immaginare spazi e servizi per la collettività, coinvolgendo gli utenti nello sviluppo di progetti complessi, a partire dall’analisi dei fabbisogni economici, sociali e culturali. Il designer per la comunità guarda al progetto come un campo unico che spazia tra arte, scienza e tecnica, tra conoscenze tecnologiche, socio-economiche e umanistiche, applicando metodologie di progettazione avanzate centrate sull’utente e avvalendosi del potenziale creativo offerto dalle tecnologie digitali. Lo studente apprende i metodi e le tecniche finalizzati alla elaborazione di progetti che, a partire dall'analisi del contesto sociale, tecnologico ed economico di riferimento, consentano di raggiungere elevati livelli di integrazione tra gli aspetti tecnici, formali e funzionali, con particolare attenzione all'uso di linguaggi rappresentativi degli scenari della contemporaneità e di nuove forme di comunicazione e interazione. Lo studente sviluppa una sensibilità per un approccio progettuale centrato sui bisogni e sui desideri dell’utente finale, al fine di curare l’usabilità dei prodotti, dei servizi e degli spazi progettati.

 

Obiettivo formativo del CdS è di fornire allo studente gli strumenti di progettazione e rappresentazione formale e funzionale delle varie tipologie di prodotti, sistemi, spazi e servizi, all’interno di un quadro storico e critico di riferimento. Il CdS si propone pertanto di trasmettere le tecniche di produzione, i processi e i metodi di rappresentazione dell'immagine, le conoscenze dei linguaggi visivi, dei meccanismi percettivi e dei sistemi cromatici, oltre alle competenze relative alle metodologie di pianificazione, distribuzione e immissione sul mercato degli artefatti in contesti caratterizzati da nuove ed emergenti istanze sociali.

 

Il laureato in Design per la Comunità al termine del percorso formativo sarà in possesso di conoscenze tecnico-operative e tecnologiche, di capacità critiche e creative, di abilità di sviluppo e gestione di processi sociali complessi. Il laureato, oltre agli elementi strumentali di sostegno al progetto, acquisirà sensibilità e autonomia critica rispetto alla capacità di definizione del problema progettuale, tenendo conto delle risorse e dei vincoli di scenario e delle esigenze espresse da comunità interessate a processi di innovazione sociale. I progettisti formati dal corso avranno capacità di lavoro in team, di coordinamento di specialisti interni ed esterni alle realtà produttive e di adattamento ad ambienti di lavoro innovativi ed emergenti.


Il laureato in Design per la Comunità sarà in grado di integrare le componenti di progettazione più convenzionali riferite ai prodotti (prodotti, oggetti d’uso, sistemi di oggetti), ai servizi (per l’accessibilità, per l’inclusività, per la comunicazione), agli spazi allestitivi temporanei (spazi per la cultura, spazi espositivi e per eventi, spazi per l'ospitalità e per l'abitare temporaneo, spazi per l'intrattenimento), con quegli aspetti maggiormente innovativi che derivano dai nuovi scenari della società contemporanea e dalla diffusione delle tecnologie digitali. In una prospettiva di aggiornamento del ruolo del designer nella società, il CdS intende formare una figura capace di orientare criticamente processi di formalizzazione e visualizzazione di nuove istanze ed identità sociali, assecondando pratiche innovative bottom-up, e di operare con competenze trasversali e soft-skill all’interno dei processi innovativi guidati dal design.


Il modello di formazione si basa su un appropriato mix di conoscenze di base, tecnico-professionali e trasversali. Tale modello formativo sarà incentrato su metodiche di apprendimento di tipo esperienziale (learning by doing) e relazionale (learning by others) all'interno di processi di lavoro condiviso tra docenti e studenti. A tal scopo sono previsti laboratori progettuali e laboratori strumentali in cui gli studenti potranno apprendere oltre al “sapere” anche il “saper fare”.

Il progetto formativo è strutturato su tre ambiti di conoscenza convergenti, che assumono nel percorso formativo declinazioni tematiche specifiche:

CONOSCENZE DI BASE: sono conoscenze che non attengono direttamente al mestiere del Designer, ma che sono fondamentali per innescare lo sviluppo professionale. Sono conoscenze ad ampio spettro come quelle logico-matematiche, quelle di alfabetizzazione informatica, della rappresentazione e comunicazione, del marketing.


CONOSCENZE TECNICO-PROFESSIONALI: sono costituite dai saperi che attengono alle attività proprie della figura professionale del Designer. Si tratta di conoscenze e capacità determinanti per garantire l'esercizio della professionalità nel campo del Design. Parallelamente alla trasmissione di conoscenze e competenze specifiche per la formazione del designer di prodotti e servizi (analisi dei bisogni, definizione di prodotto, selezione di materiali, ingegnerizzazione dei prodotti, analisi dei costi) il corso è indirizzato a far maturare conoscenze e competenze per la formazione della figura dell’organizzatore di eventi e di allestimenti espositivi.

CONOSCENZE TRASVERSALI: sono competenze complementari, patrimonio della persona, relative ai comportamenti sul lavoro, non legate a un contesto professionale specifico. Si tratta in particolare di soft-skill, di competenze comunicative, relazionali, interattive, decisionali, di problem solving, di ascolto, di negoziazione, ecc., che risultano essenziali per trasformare il sapere progettuale in una prestazione lavorativa efficace e collaborativa. Pertanto, particolare accento è dato alla presenza di materie umanistiche e sociali accanto a quelle tecnico-progettuali, al fine di sviluppare un approccio critico e investigativo nell’intenzioni progettuali.

Il percorso formativo prevede un primo anno dedicato all’acquisizione dei fondamenti del Design e del Progetto di Allestimento e delle discipline che ne caratterizzano il campo teorico, strumentale ed operativo; un secondo anno dedicato all’apprendimento ed alla sperimentazione delle metodologie progettuali proprie del Design in ambiti operativi emergenti ed innovativi; un terzo anno dedicato alla sperimentazione progettuale nel campo del Design sociale ed alle sue implicazioni spaziali ed ambientali alla scala della città. Gli studenti potranno inoltre completare il personale percorso formativo frequentando corsi ed insegnamenti a scelta all’interno di un’offerta che sarà programmata di anno in anno dal DiARC.

 

La struttura portante del Corso di studio è costituita dai laboratori di progettazione. Accanto a questi sono previsti corsi mono-disciplinari e corsi integrati. Il tirocinio in fase curriculare è svolto all’interno di un workshop tirocinante che di anno in anno sarà programmato in accordo con enti, istituzioni, organizzazione ed aziende costituenti il contesto di stakeholder del CdS.

 

Sbocchi occupazionali

Il laureato in Design per la Comunità può inserirsi nel mercato del lavoro nell’ambito di tutte le attività professionali e aziendali operanti nel campo del design e della progettazione. In particolare, potrà trovare occupazione come tecnico del progetto all'interno delle aree tecniche e di ricerca e sviluppo delle aziende che operano nel campo della produzione di beni e servizi; come coadiutore, assistente di progetto, assistente tecnico per lo sviluppo di prodotto fisico e virtuale negli studi professionali di progettazione e di consulenza, nelle O.N.G. e nelle associazioni del terzo settore; come tecnico progettista di allestimenti fieristici e di eventi culturali, tecnico grafico di prodotto in aziende che operano nel campo della comunicazione e della grafica visuale; come assistente tecnico, disegnatore progettista, assistente progettista di soluzioni concettuali ed esecutive nelle Pubbliche Amministrazioni; come libero professionista, promuovendo attività di impresa ad impatto sociale attraverso la comunicazione, formalizzazione e valorizzazione di istanze sociali e di pratiche creative con approcci bottom-up.